Uno screening della visione per tutti i nostri bimbi

screening gratuito alla vista per i bimbi a Milano

Lo scorso 28 aprile, presso il nostro asilo bilingue “Gli amici di Pooh” di via Moscati 12, i neonati, di età fra 1 anno e i 2 anni, si sono sottoposti a un innovativo esame della vista, uno screening della visione realizzato con un apparecchio non invasivo, un telerefrattometro che a distanza di un metro riesce ad individuare anche i più piccoli difetti di vista.

I risultati dello screening della visione

Relativamente al problema che si cercava di individuare, l’occhio pigro, tecnicamente definito ambliope, sono stati individuati 4 bambini con un severo difetto di vista e altri 7 con problemi di vista più piccoli, ai primi 4 è stato consigliato di fare subito una visita oculistica e agli altri 7 di fare una visita oculistica entro i 3 anni di età. Gli altri 24 bambini avevano un’ottima vista.

I 4 bambini a cui è stato consigliato di rivolgersi al proprio oculista, oppure di individuare un oculista esperto in oftalmologia pediatrica, è stato fornito un grande servizio perché con il semplice uso di occhiali potranno sviluppare una vista corretta, se il difetto non fosse stato individuato e fosse stato scoperto a 5 anni, di sicuro avrebbero dovuto affrontare una difficile riabilitazione con la “bendina”, occludendo l’occhio migliore per far riabilitare la vista rimasta sfuocata fino a quell’età.
Il Progetto Elisa mira proprio a spostare dalla riabilitazione alla prevenzione primaria il problema dell’ambliopia.

Il servizio di screening è stato svolto gratuitamente dal dottor Roberto Magni, specialista in oculistica, Presidente dell’associazione Progetto Elisa, aiutato dalle sue collaboratrici, Chiara e Azzurra. Promotore del service era il professor Giovani Del Bene che promuove la diffusione del service in tutta la Lombardia a partire da Milano.

A tutti i genitori con un colloquio, è stata fornita una spiegazione scritta sui risultati ottenuti e una copia dell’opuscolo che illustra il progetto dal titolo “Il Progetto Elisa per la prevenzione primaria dell’ambliopia” edito da Fabiano Gruppo Editoriale nel febbraio 2017.

La dottoressa Stefania Castiglioni direttrice dell’asilo, si è detta molto soddisfatta del servizio, poiché tutti i bambini si sono lasciati visitare senza nessuna difficoltà, vi è stata una totale adesione da parte delle famiglie e si è potuto fare il vero bene dei bambini senza nessun costo né per l’asilo, né per le famiglie. I risultati hanno dimostrato e dimostreranno la reale utilità di questo servizio di prevenzione.

screening della vista
Nella foto: a sinistra il professor Giovanni Del Bene e a destra il dottor Magni. Il dottor Magni ha in mano lo strumento impiegato”

 

Che cos’è il Progetto Elisa

Il Progetto Elisa prende il nome da Elisa Raimondi, una bambina (ora dovremmo dire una ragazza) che nel 2007 ha scritto una favoletta, poi divenuta libro, dal titolo “Anche le principesse portano gli occhiali“, dedicata a tutti i bambini che, come lei, devono indossare lenti magiche per poter continuare a vedere il mondo a colori. Prendendo spunto la libro di Elisa, è nato un progetto che da lei prende il nome e che vuole occuparsi di diffondere la cultura della prevenzione visiva precoce.


anche le principesse portano gli occhiali